Elvira Donnarumma

(Napoli, 18 marzo 1883 – Napoli, 22 maggio 1933)

Cantante di café chantant e varietà italiana.

Molto diversa da altre “stelle eccentriche” del varietà di inizio secolo scorso.

“Maria [Campi], Ersilia [Sampieri], Emma [Lacroix], Eugénie [Fougère], comparivano in scena nelle più stravaganti e fastose toilette che si potessero immaginare e non di rado dalle gonnelle onuste di volants e paillettes sporgeva con amabile evidenza un polpaccio ben tornito e magari una succulenta striscia di coscia. Elvira, no. Una sottana di cotonina o una camicetta di tela e tutt’al più uno scialle “alla Luciana”. Qualche volta, per certe canzoni comiche, un abito a giacca, di taglio maschile. Ma mai nulla nel suo aspetto che fosse particolarmente procace. Elvira Donnarumma era l’interprete della canzone napoletana e basta”. – Dino Falconi e Angelo Frattini, Guida alla rivista (vedi Bibliografia)

La voce su Elvira Donnarumma su Wikipedia